Il Blog del Residence
Eventi e Attività del Residence e non solo...

Natale in Liguria: le ricette della tradizione

Come ogni regione italiana anche la Liguria vanta le sue antiche tradizioni culinarie che vengono ancora oggi rispettate in occasione delle feste natalizie. La cucina ligure, a Natale così come nel resto dell’anno, è una cucina spiccatamente aromatica, nella quale la combinazione di spezie ed erbe mediterranee dal profumo intenso ed avvolgente riesce a dare un sapore caratteristico ed inconfondibile a tutte le ricette tradizionali. In Liguria le feste natalizie si trascorrono rigorosamente in famiglia, con pranzi e cene a più riprese. Prima di tutto infatti si celebra la Vigilia, il 24, con il tipico Cenone a base di pesce e di verdure come la zuppa a base di cavolo nero o il baccalà mantecato con le patate. Segue poi il pranzo di Natale vero e proprio in cui la carne la fa da padrone, sia nel ripieno dei ravioli e della pasta fatta in casa che nei secondi piatti.

Antipasti

Le ricette tradizionali ligure più gettonate per gli antipasti sono le focacce e le torte salate di ogni tipo. In ogni tavola non può mancare la tipica focaccia genovese. Sottile e fragrante, viene ricoperta con un abbondante strato di olio, cosparsa di sale grosso, e va accompagnata con qualche sorsata di vino bianco. Esiste anche in diverse varianti, a seconda dei gusti: con le cipolle, con le olive, con il formaggio, o ripiena di acciughe. Di lunga tradizione è anche la farinata di ceci.

La tradizionale farinata genovese

Primi Piatti

Quando si arriva ai primi piatti, tutto dipende dalla fantasia e dalla creatività di chi cucina, perché non ci sono limiti precisi al ripieno della pasta. Le lasagne con pesto alla genovese sono un’alternativa molto presente sulla tavole liguri, ma il primo piatto tipico del 25 dicembre è rappresentato dai Natalini in brodo di cappone. Si tratta di una sorta di maccheroni lunghi, con una superficie liscia e porosa e con un’estremità tagliata di sbieco, preparati con farina di semola di grano duro. Il cappone utilizzato per insaporire il brodo, viene consumato poi aromatizzato con mostarda o con salsa di noci. I ravioli al tocco sono un’altra specialità di primo che va per la maggiore durante le feste. I ravioli presentano un ripieno molto ricco, a base di indivia, borragine, scarola, maggiorana, carne di vitello, maiale magro, cervello di vitello e animella.

Secondi Piatti

Il principe dei secondi piatti nel pranzo di Natale è il tacchino, o la tacchinella alla storiona con salsa verde, che viene ricoperta di prosciutto, limone e foglie d’alloro, cotta in brodo e servita accompagnata dalla salsa verde genovese a base di prezzemolo, olive, capperi, pinoli, pistacchi ed acciughe. Il coniglio alla ligure, insaporito con un sughetto a base di pomodori e patate, fa spesso la sua comparsa sulla tavola natalizia ligure. Qualunque sia il taglio di carne scelto per il secondo, quello che non può mancare in ogni provincia della Liguria sono gli stecchi fritti. Si tratta di un fritto misto a base di vitella, funghi porcini e champignon, carciofi ed animelle che vengono infilzati in spiedini, cosparsi di uovo e pangrattato e fritti.

Dolci

Non si possono celebrare le festività natalizie in Liguria senza il dolce tipico della regione: il pandolce, che nel sanremese viene chiamato anche “pan du bambin”. Viene considerato spesso come la versione genovese del panettone, dal momento che nell’impasto del dolce si ritrovano uva sultanina, pinoli e cedro candito. L’ingrediente che lo contraddistingue però è la zucca candida che insieme ai fiori di finocchio ed all’anice dà al pandolce un sapore tutto particolare. Canestrelli, castagnaccio, bugie, croccante di mandorle, anicini e ravioli dolci arricchiscono ulteriormente la tavola di gustose prelibatezze per chiudere in bellezza il pranzo di Natale.

BUON NATALE A TUTTI!

CONDIVIDI

Condividi su facebook
Condividi su email